Metronapoli.it

FacebookYoutubeRSSTwitter

E-Magazine & Web TV della Citta' Metropolitana di Napoli - Registrazione al Tribunale di Napoli 5113/2000

Pozzuoli, riqualificata e restituita alla cittÓ la villetta pubblica in localitÓ Reginelle

4/1/2018 - Su disposizione del sindaco Vincenzo Figliolia e dell'assessore all'Ambiente Fiorella Zabatta, Ŕ stata ultimata la riqualificazione della villetta pubblica in localitÓ Reginelle.

Su disposizione del sindaco Vincenzo Figliolia e dell'assessore all'Ambiente Fiorella Zabatta, è stata ultimata la riqualificazione della villetta pubblica in località Reginelle. L'area era diventata oggetto costante di attività di depredazione e uno sversatoio abusivo di rifiuti e materiali vari, tra i quali molti ingombranti, nonostante i frequenti interventi del personale comunale. Gli operai del servizio Giardini hanno falciato in modo esteso e radicale tutto il verde incolto e risistemate le aiuole. Inoltre, sono stati ripristinati parapetti e corrimano in tubolare, le reti di delimitazione e la pavimentazione, ed è stata rifatta la rete elettrica, compromessa dal furto dei cavi.
«Abbiamo nuovamente restituito un presidio di legalità alla città - afferma il sindaco Vincenzo Figliolia -. In questo luogo spesso gli incivili trovavano libero sfogo e, soprattutto nelle ore notturne, venivano esercitate attività non lecite. Ora ci auguriamo che i cittadini che tengono a cuore la conservazione e la salvaguardia degli spazi pubblici aiutino l’amministrazione Comunale a mantenere la villetta delle Reginelle così come restituita: pulita e fruibile».
«Grazie a questo intervento, che ha richiesto diversi giorni di lavoro, la zona ha nuovamente uno spazio di aggregazione e di svago, a vantaggio di mamme, bambini, anziani, giovani e di tutti coloro che vorranno trascorrere dei momenti piacevoli all’aria aperta - aggiunge l'assessore Fiorella Zabatta - Contiamo molto anche sulle associazioni del territorio, che hanno ora la possibilità di organizzare tante attività in quest'area e migliorarla ancora di più, sempre con l’ausilio del Comune».