Metronapoli.it

FacebookYoutubeRSSTwitter

E-Magazine & Web TV della Citta' Metropolitana di Napoli - Registrazione al Tribunale di Napoli 5113/2000

La Fuga in Egitto

4/1/2018 - Nel Salone delle Antiche Terme Comunali di Ischia la mostra dal titolo La Fuga in Egitto. Marco Cecchi, Marco Cortese, Michele DAmbra, Lucia De Luise e Monica Hernandez si ispirano al celebre episodio del Vangelo di Matteo per una nuova narrazione, originale ed evocativa, nel segno dellArte.

“La Fuga in Egitto” dal 3 gennaio la mostra alle Antiche Terme Comunali
Nel Salone delle Antiche Terme Comunali la mostra dal titolo “La Fuga in Egitto”. Marco Cecchi, Marco Cortese, Michele D’Ambra, Lucia De Luise e Monica Hernandez si ispirano al celebre episodio del Vangelo di Matteo per una nuova narrazione, originale ed evocativa, nel segno dell’Arte. Nello spazio espositivo all’interno del Municipio di Ischia prendono vita le visioni oniriche di Marco Cecchi con angeli salvatori che conducono alla speranza, il dramma della strage degli innocenti, tra cronaca e storia, nella lunga sequenza disegnata da Michele D’Ambra, la fuga come assenza nelle immagini icastiche di Marco Cortese, il Riposo durante la fuga, riletto da Monica Hernandez attraverso lo sguardo del bambino e l’approdo in un Egitto che è terra di accoglienza nel lavoro di Lucia De Luise. Il racconto per immagini si traduce in suono e voce, grazie alla cantante e attrice Fiorenza Calogero, che offrirà nel corso della serata d’inaugurazione un cadeau d’eccezione con l’esecuzione della “Leggenda del lupino”, un canto della tradizione popolare campana dedicato alla Madonna in fuga con il bambino, e brani tratti dal suo ultimo album “Non tardare Sole”. «La fuga in Egitto, tra i soggetti che si ispirano ai Vangeli, ha avuto nella storia dell’arte una larga fortuna- afferma l’assessore alla cultura Salvatore Ronga-. Sulle tracce di una così lunga tradizione, nasce l’idea di questo progetto per lo spazio espositivo delle Antiche Terme Comunali, immaginando che la Sacra Famiglia prosegua il suo cammino fino ai giorni nostri, in cerca di un Egitto che è speranza, che è luce». La mostra è aperta fino a domenica 28 gennaio, dal lunedì al venerdì, dalle ore 10.00 alle ore 13.00