Metronapoli.it

FacebookYoutubeRSSTwitter

E-Magazine & Web TV della Citta' Metropolitana di Napoli - Registrazione al Tribunale di Napoli 5113/2000

SOMMA VESUVIANA, via Colle sarà realizzato un nuovo svincolo della Statale 268

23/7/2018 - L’impegno dell’Amministrazione Di Sarno porta ad un importante risultato: a via Colle sarà realizzato un nuovo svincolo della Statale 268. L’insistenza e la caparbietà del sindaco Salvatore Di Sarno portano ad un risultato concreto confermato da una missiva dell’Anas.

“All’indomani della mia elezione avevo detto che avremmo pensato anche a via Colle”, spiega Di Sarno, “dove ci sono importanti problemi di viabilità per i numerosi insediamenti produttivi e adesso possiamo dare a tutti una buona notizia”.

In una lettera giunta in Comune, infatti, e firmata dal responsabile area progettazione e realizzazione dei lavori dell’Anas, viene comunicato che riguardo lo svincolo di via Colle- Cupa Minardo è stata “già affidata la progettazione e che la progettazione esecutiva potrà essere approvata ed i lavori appaltati dopo l’acquisizione e messa a disposizione da parte dell’amministrazione comunale delle maggiori aree necessarie a realizzare l’intervento” vertici Anas hanno confermato questa notizia. Il Comune, a tal proposito, si è già attivato per effettuare gli espropri dei suoli e la consegna delle aree all’Anas.

 

Ad ottobre  scorso il primo cittadino aveva fatto presente la necessità della città di Somma Vesuviana di ottenere la realizzazione di uno svincolo della Statale 268 a via Colle, un progetto utile a “decongestionare la viabilità cittadina”  che era stato poi ribadito anche in altri appuntamenti successivi. Un impegno diventato concretezza. “Sono molto soddisfatto che la nostra richiesta sia stata accolta”, commenta Di Sarno, “in questo modo riusciremo a decongestionare dal traffico le arterie  stradali della nostra città e contestualmente fornire un servizio più che utile alle tante aziende che sorgono nella zona industriale di via Colle. Spesso i residenti ci avevano chiesto di ‘liberarli’ dei mezzi pesanti per rendere anche più sicuro il quartiere. Con questo progetto verremo anche incontro alle loro richieste”.