Metronapoli.it

FacebookYoutubeRSSTwitter

E-Magazine & Web TV della Citta' Metropolitana di Napoli - Registrazione al Tribunale di Napoli 5113/2000

Città della Scienza, weekend dedicato al tema della sana e corretta alimentazione

29/11/2019 - "L’uomo è ciò che mangia”, diceva Feuerbach, per questo il weekend dal 30 novembre al 1 dicembre a Città della Scienza è dedicato ad un tema attualissimo e fondamentale per bambini e adulti: una sana e corretta alimentazione. Giochi, laboratori, esperimenti e attività didattiche per scoprire come seguire una dieta bilanciata e nutriente.

"L’uomo è ciò che mangia”, diceva Feuerbach, per questo il weekend dal 30 novembre al 1 dicembre a Città della Scienza è dedicato ad un tema attualissimo e fondamentale per bambini e adulti: una sana e corretta alimentazione. Giochi, laboratori, esperimenti e attività didattiche per scoprire come seguire una dieta bilanciata e nutriente.

Novità del weekend sarà il progetto Nutripiatto di Nestlè, che ha l’obiettivo di evidenziare l’importanza del giusto nutrimento fin da bambini per vivere in forma. Tra pipette e provette, si potranno sperimentare i principi nutritivi contenuti negli alimenti più comuni ed esplorare le proprietà di carboidrati, proteine e costruisci, grazie proprio al Nutripiatto, il pasto bilanciato. Al termine dell’attività i bambini potranno portare via uno strumento pratico e istruttivo che li guiderà nella realizzazione di piatti buoni e corretti.

Tra gli altri approfondimenti dedicati al tema dell’alimentazione Il Cibo è energia, in cui, al tavolo multitouch del Museo Corporea, si potrà sperimentare l’importanza delle scelte alimentari per il mantenimento di uno stato di salute ottimale.

Ancora con Cosa c’è nel tuo piatto? Si giocherà con la realtà aumentata di un exhibit del museo e con una pizza, delle lattine di birra, un piatto salutare con gnocchi e verdure; attraverso il QRcode ciascun bambino potrà scoprire che piatto è. Oltre alle visite guidateal Museo Corporea e alle mostre Insetti&Co, Il Mare, Paleomare e Bike_it, sarà possibile visitare la mostra che rientra nel programma Futuro Remoto Extra dal titolo ESSERE 4.0.EXPO. Una passeggiata interattiva tra le idee e le applicazioni dell’industria 4.0
Questa installazione racconta, attraverso una raccolta di esperienze interattive provenienti da centri di ricerca, industrie, laboratori, alcuni concetti chiave della “industria 4.0”, una definizione lanciata in Germania all’inizio di questo decennio e che prefigura un modo di produrre del tutto nuovo, fondato sulla integrazione di tecnologie tradizionali e digitali, utilizzo di Internet, robotica e intelligenza artificiale. Se la prima rivoluzione industriale ha utilizzato l’acqua e il vapore per meccanizzare la produzione; se la seconda ha usato l’energia elettrica per produrre in massa; se la terza ha visto nell’elettronica e le ICT gli strumenti per automatizzare la produzione; ora, la quarta rivoluzione industriale è caratterizzata da una fusione di tecnologie che sta unendo la sfera fisica, digitale e biologica. Obiettivo di questa installazione non è certo quello di una narrazione esaustiva o manualistica; piuttosto, la scelta è quella di una narrazione “suggestiva” che mostri quanto l’industria 4.0 possa essere fatta di tecnologie “intorno” agli esseri umani, piuttosto che “invece” degli esseri umani, come da più parti si temeva e ancora molti temono. Non ci nascondiamo, infatti, un impatto via via crescente sul lavoro e sugli esseri umani stessi; ma il nostro auspicio è che questo impatto venga governato e messo al servizio delle persone e non subito passivamente.
Realizzata attraverso un percorso di progettazione partecipata che ha coinvolto, in 6 mesi di lavoro, oltre 15 istituti di ricerca e 80 ricercatrici e ricercatori, questa passeggiata vuole stimolare riflessioni e innescare approfondimenti; stimolare la curiosità e aprire discussioni. Perché, seppur forse più lentamente e sommessamente di quanto non ci si aspettasse, grazie all’industria 4.0 molto sta cambiando, non solo nella fabbrica e nella produzione, ma anche nella società e nei nostri stessi corpi.