Metronapoli.it

FacebookYoutubeRSSTwitter

E-Magazine & Web TV della Citta' Metropolitana di Napoli - Registrazione al Tribunale di Napoli 5113/2000

L’assessore Felaco: proseguono gli interventi in Villa comunale

13/5/2020 - Anche oggi i tecnici e gli operai del Servizio Verde della Città con i giardinieri della Villa, della Napoli Servizi e della Cooperativa 25 giugno stanno intervenendo sulla manutenzione del verde orizzontale con un programma che proseguirà nelle prossime settimane.

Anche oggi i tecnici e gli operai del Servizio Verde della Città con i giardinieri della Villa, della Napoli Servizi e della Cooperativa 25 giugno stanno intervenendo sulla manutenzione del verde orizzontale con un programma che proseguirà nelle prossime settimane. Al momento, proprio per permettere la prosecuzione della manutenzione in piena sicurezza, resta temporaneamente non accessibile e interdetta al pubblico solo la parte finale della Villa. Per la valorizzazione complessiva di uno dei giardini storici più grande e bello d’Italia, con ABC si sta lavorando alla riattivazione delle fontane, partendo da quella più rappresentativa: la Tazza di Porfido. Va ricordato che nei giorni scorsi la Giunta ha approvato una delibera fortemente voluta dal Sindaco per l’approvazione di un programma di interventi per 5 milioni e mezzo di euro, per la piantumazione di nuove alberature su strada e parchi, ovviamente compresa la Villa Comunale, oltre ad un budget di 2 milioni di euro stanziati per il miglioramento del parco, attraverso i fondi della Città Metropolitana. Inoltre l’Amministrazione ha chiesto a Metropolitana Napoli S.P.A. di liberare il prima possibile le aree chiuse di cantiere che ad oggi sottraggono alla cittadinanza una parte della Villa e che quindi non sono accessibili non solo al pubblico ma soprattutto ai tecnici ed ai giardinieri. Infine, va sottolineata anche la scelta dell’Amministrazione di rendere immediatamente fruibili 12 parchi comunali, restituendone tre alla cittadinanza (San Gaetano Errico, Quartieri Spagnoli e Re Ladislao), chiusi prima dell’emergenza COVID e riaperti il 4 maggio a seguito dei necessari lavori di messa in sicurezza.