Metronapoli.it

FacebookYoutubeRSSTwitter

E-Magazine & Web TV della Citta' Metropolitana di Napoli - Registrazione al Tribunale di Napoli 5113/2000

Contagi in classe: scuola chiusa fino a San Valentino

4/2/2021 - La decisione del sindaco di Somma Vesuviana che ha chiuso la scuola media San Giovanni Bosco.

La decisione del sindaco di Somma Vesuviana che ha chiuso la scuola media San Giovanni Bosco

Il sindaco di Somma Vesuviana ha annunciato la chiusura di tutti i plessi scolastici delle medie della San Giovanni Bosco fino al 13 Febbraio. Si tratta di una misura precauzionale per consentire uno screening ampio sul personale docente e scolastico che non ha avuto contatti con i contagi di questi giorni. “In questo modo riapriremo con maggiore sicurezza. Le medie in DAD per 9 giorni ” ha detto il primo cittadino Salvatore Di Sarno.

“Poco fa ho firmato l’ordinanza con la quale dispongo, solo per 9 giorni, la chiusura di tutti i plessi della media San Giovanni Bosco, sul territorio di Somma Vesuviana. Una decisione assunta semplicemente per facilitare il tracciamento ed i prelievi dei tamponi molecolari degli alunni e dei docenti in modo tale da avere una mappatura completa e chiara della situazione epidemiologica. Dunque la decisione discussa in sede di Task Force è stata adottata solo ed esclusivamente con la finalità di mappare il virus e consentire il completamento delle operazioni di screening impedendo così ulteriori contagi che fino ad oggi sono stati ben confinati. Si tratta di una misura precauzionale.

Sottoporremo a tampone molecolare il personale docente non coinvolto nei contagi registrati in questi giorni e con ogni probabilità anche gli alunni. La didattica in presenza ritornerà al termine di queste operazioni che hanno già preso il via e dunque i plessi dovrebbero essere riaperti dal 14 Febbraio, dopo un'ulteriore verifica della situazione epidemiologica. Sottolineo che i contagi di cui abbiamo costantemente dato notizia sono maturati in ambienti familiari ma in via precauzionale vogliamo mappare il virus”. Lo ha affermato Salvatore Di Sarno, sindaco di Somma Vesuviana, comune del napoletano