Metronapoli.it

FacebookYoutubeRSSTwitter

E-Magazine & Web TV della Citta' Metropolitana di Napoli - Registrazione al Tribunale di Napoli 5113/2000

CITTĀ METROPOLITANA; STRADE: DUE "ACCORDI QUADRO" PER LA MANUTENZIONE DI ALCUNE STRADE METROPOLITANE

20/5/2021 - Al via altri due "Accordi Quadro" per interventi di manutenzione di tratti stradali della rete viaria metropolitana.

Per il primo intervento i Comuni interessati sono: Tufino, Roccarainola, Comiziano, Cimitile, Cicciano, Camposano, Casamarciano, Saviano, Nola, Ottaviano, Somma Vesuviana, Palma Campania, San Gennaro Vesuviano, San Giuseppe Vesuviano, Striano, Poggiomarino. Le strade interessate costituiscono la rete secondaria dei collegamenti da e per i centri abitati con gli assi stradali di grande comunicazione: autostrade ed extraurbane principali oltre a garantire i collegamenti locali. Lo sviluppo totale delle rete oggetto di eventuali interventi è formata da 71,282 km di strade in gran parte di tipo F (strade locali) e parte di tipo C (extraurbane secondarie). 

Gli interventi, riguarderanno principalmente:

Rifacimento della pavimentazione stradale, quali strati di binder e tappetino, e limitatamente ad alcuni tratti interessati da fessure profonde e da cedimenti, il ripristino delle caratteristiche meccaniche del pacchetto stradale mediante il rifacimento degli strati di fondazione e di base; 

installazione della segnaletica orizzontale, verticale e complementare laddove carente o laddove abbia perso i requisiti minimi previsti dalla normativa; 

installazione di barriere stradali laddove si ravvisi la necessità di integrarle o sostituirle, essendo venuto meno la funzione di contenimento e protezione per la circolazione veicolare e le attività interferenti;

interventi di manutenzione straordinaria sulle opere d’arte (giunti stradali, opere di contenimento etc.);

pulizia dei sistemi di smaltimento delle acque piovane e laddove necessario all’implementazione degli stessi mediante interventi di potenziamento, ripristino e di risagomatura dei recapiti finali; 

manutenzione delle alberature e sfalcio della vegetazione presente lungo l’asse stradale principale, ai cigli delle strade e nelle scarpate, laddove si dovessero presentare delle criticità legate all’interferenza con le attività di sfalcio ordinarie o problemi per la sicurezza stradale. 

servizio di reperibilità H24 per 365 giorni l’anno e per tutto il tempo di realizzazione dell’intervento al fine di garantire la continuità delle prestazioni di pronto intervento laddove necessarie;

modeste forniture di beni funzionali all’azione dell’Ente per garantire la sicurezza stradale. 

La spesa massima prevista per l'esecuzione degli interventi nel corso dei tre anni di validità dell'appalto è di euro 4.986.000 IVA esclusa.

Il secondo "Accordo Quadro' ha invece una validità di 8 mesi, estendibile per altri 4, con un finanziamento stimato di 895.000 euro. Esso riguarda lavori di miglioramento delle condizioni di sicurezza lungo le ex SS 87 NC "Sannitica" ed ex SS 162 Racc.

Con particolare riferimento alla segnaletica stradale, alle barriere e al consolidamento delle opere murarie.

"Grazie all'impegno della Città Metropolitana, guidata dal sindaco Luigi de Magistris, altri due “Accordi Quadro" garantiranno un costante miglioramento e una messa in sicurezza di altri tratti della rete viaria gestita dalla Città Metropolitana di Napoli. Con questi "accordi quadro" viene garantita una manutenzione tempestiva e continua sulla intera rete stradale gestita dalla Città Metropolitana”.

Lo ha affermato il consigliere metropolitano delegato alle strade, Raffaele Cacciapuoti che ha aggiunto: “È chiaro che per realizzare questo obiettivo abbiamo investito somme considerevoli. Questo è stato possibile anche grazie al lavoro del Consiglio Metropolitano e del sindaco de Magistris che hanno fatto della sicurezza stradale e del conseguente miglioramento della mobilità uno degli obiettivi più importanti dell'attività della Città Metropolitana di Napoli. Decisivo per la loro realizzazione è stato, come sempre, il lavoro delle strutture tecniche e amministrative dell’Ente a cui va il mio ringraziamento” .