Metronapoli.it

FacebookYoutubeTelegramInstagramTwitter

E-Magazine & Web TV della Citta' Metropolitana di Napoli - Registrazione al Tribunale di Napoli 5113/2000

Biblioteca Nazionale di Napoli: "Le Nemesiache" Dino Todoverto intervista Silvana Campese e Giulia Campese

28/6/2022 - Per la serie di Incontri con i protagonisti, organizzati in occasione della mostra Napoli in scena, la Biblioteca Nazionale di Napoli ospita, martedž 5 luglio, alle ore 17, nella Sala Rari, un incontro dedicato all'esperienza del gruppo femminista delle Nemesiache, a cui Ť ddeicata una sezione della mostra . Ne parleranno Silvana Campese e Giulia Damiani, intervistate da Dino Todoverto.

Silvana Campese ha fatto parte dello storico gruppo femminista le Nemesiache con il nome di Medea collaborando alla realizzazione di performance ed eventi del gruppo a partire dagli anni ’70. E’ stata fondatrice e presidentessa dell’Associazione Tre Ghineee/Le Nemesiache, ha una vasta produzione artistica e letteraria, saggistica, narrativa e poesia. Nel 2022 ha voluto donare alla Biblioteca Nazionale di Napoli l’Archivio delle Nemesiache in suo possesso ed il sito ad esso collegato. • Le Nemesiache

Giulia Damiani è scrittrice, ricercatrice, curatrice e dramaturga di base ad Amsterdam. Nel 2021 ha completato un dottorato di ricerca presso il Dipartimento di Arte della Goldsmiths, University of London, scrivendo sulle Nemesiache di Napoli e realizzando e interpretando nuove performance ispirate al gruppo femminista. Nel 2020 ha curato la mostra sull’archivio delle Nemesiache intitolata From the Volcano to the Sea: The Feminist Group Le Nemesiache in 1970s-1980s Naples presso Rongwrong, Amsterdam. A Maggio 2022 è uscita un'antologia di testi da lei curata, intitolata Ritual and Display (pubblicata da If I Can’t Dance). Insegna teoria dell'arte, scrittura performativa e cura eventi presso istituzioni come la Rietveld Academie, l'Università di Amsterdam e la Goldsmiths • www.giuliadamiani.eu

Dino Todoverto si è interessato al teatro ed alla produzione cinematografica dell’artista e regista Lina Mangiacapre e delle Nemesiache per la sua tesi di laurea in Beni Culturali dal titolo Artiste del femminismo: le Nemesiache fra teatro e cinema negli anni Settanta, per la quale ha intervitato le protagoniste di quella stagione. Successivamente per la tesi di dottorato Attiviste-artiviste: le Nemesiache negli anni Ottanta tra cinema e teatro, performance ed editoria grazie all’amicizia con Silvana Campese/Medea ha approfondito la conoscenza della produzione nemesiaca concentrandosin particolare su alcuni film della regista Lina Mangiacapre.

Prima dell'incontro, alle ore 15.30, per chi lo desidera sarà organizzata una visita al percorso espositivo Ingresso libero fino ad esaurimento posti.

Per info e prenotazioni: bn-na.urp@beniculturali.it, tel. 0817819325