Metronapoli.it

FacebookYoutubeRSSTwitter

E-Magazine & Web TV della Citta' Metropolitana di Napoli - Registrazione al Tribunale di Napoli 5113/2000

La Città Metropolitana concede Villa Parnaso al Comune di Torre Annunziata: la città si apre al mare

24/3/2017 - La città di Torre Annunziata si aprirà ancora di più verso il mare. Corso Umberto I, una delle arterie principali della città, sarà collegato direttamente con la litoranea di viale Marconi. La Città Metropolitana di Napoli ha infatti concesso, in comodato d’uso gratuito, il prestigioso Parco “Cristo Re”, noto anche come Villa Parnaso, al Comune di Torre Annunziata

La città di Torre Annunziata si apre al mare. Corso Umberto I, una delle arterie principali della città, sarà collegato direttamente con la litoranea di viale Marconi. La Città Metropolitana di Napoli ha infatti concesso al Comune di Torre Annunziata, in comodato d’uso gratuito, il prestigioso Parco “Cristo Re”, noto anche come Villa Parnaso.

Dalla parte alta della città, dunque, sarà possibile raggiungere il mare passando attraverso la splendida area verde che termina con un corpo scale che conduce a ridosso dell’arenile.

Il contratto di comodato è stato firmato questo pomeriggio, nella Sala “Paolo Borsellino” della sede della Città Metropolitana di piazza Matteotti a Napoli, nel corso di una cerimonia in cui il Consigliere Metropolitano Delegato al Patrimonio, Domenico Marrazzo, ha consegnato le chiavi dell’immobile al Sindaco di Torre, Giosuè Starita.

“Oggi – ha affermato Marrazzo - restituiamo Villa Parnaso alla comunità di Torre Annunziata, consentendo di collegare la città al mare. È un giorno importante, quindi, per i cittadini torresi ma anche per la Città Metropolitana, che dimostra una volta di più la vicinanza ai territori”.

Il Parco, ex sede delle “Ancelle del Cristo Re”, è entrato nel patrimonio della Città Metropolitana nel 1992 e comprende un’area di circa 10mila mq, una parte dei quali è stata anche dichiarata di importante interesse archeologico dal Ministero dei Beni Culturali ed ambientali per la presenza sottostante di alcuni manufatti di epoca romana.

In forza dell’intesa stipulata oggi la Città Metropolitana concede l’immobile per un periodo, rinnovabile, di 9 anni, mentre il Comune si fa carico delle spese di gestione del parco, dalle utenze alla manutenzione ordinaria e straordinaria, dalla sorveglianza alla messa in sicurezza.

“Con l’abbattimento di questa barriera che da 150 anni blocca la città – ha commentato il Sindaco Starita - finalmente il centro si lega direttamente al mare. Abbiamo riqualificato la villa comunale, realizzato la bretella di collegamento tra il porto e il rione Deriver di Rovigliano, a breve partiranno i lavori per il lungomare: questi tre interventi, uniti a questo di Villa Parnaso, ci consentiranno di avere una qualità ed una fruibilità del waterfront di straordinaria importanza”.