Metronapoli.it

FacebookYoutubeRSSTwitter

E-Magazine & Web TV della Citta' Metropolitana di Napoli - Registrazione al Tribunale di Napoli 5113/2000

“Dramma antico alle Terme di Baia”, domani Le Baccanti di Euripide

21/7/2017 - In scena nell’area del parco archeologico l’opera testamento del tragediografo greco. Prossimi appuntamenti il 26 luglio con La Cantata della Grecità - l’età dei Miti senza età con Moni Ovadia e il 27 e 28 con la Fedra di Seneca per la regia di Carlo Cerciello

LE BACCANTI di Euripide, per la regia di Carlo Boso, è il prossimo spettacolo in programma, sabato 22 luglio (ore 21), nell’ambito del festival del Dramma antico alle Terme di Baia. La manifestazione, realizzata dalla Regione Campania, propone fino al prossimo 28 luglio una selezione di opere dei grandi autori greci e latini, e sancisce la collaborazione tra il MiBACT – Parco Archeologico dei Campi Flegrei, la Fondazione Campania dei Festival e l’INDA – Istituto Nazionale del Dramma Antico .

Dopo il debutto nell’Antico Mercato di Ortigia e la successiva tournèe che ha accolto più di cinquemila spettatori nelle varie repliche italiane,  Carlo Boso e gli allievi neo diplomati dell’Accademia d’arte del dramma antico, presentano  nella suggestiva cornice del Parco Archeologico di Bacoli l’ultima tragedia di Euripide, scritta nel 407 a.C. e considerata il testamento culturale e spirituale dell’autore.

La regia di Boso tiene conto dei dettami di Aristotele e immagina Le Baccanti come “uno spettacolo dove, per la prima volta in epoca moderna, tutti gli interpreti, protagonisti, coreuti e comparse, utilizzano delle maschere destinate a dar credibilità ai personaggi.  Un adattamento che ripropone la grammatica teatrale della tragedia greca attraverso la commistione di varie lingue e dialetti, di parti danzate e parti cantate”.

In scena i giovani attori Delfina Balistreri, Alfonso Maria Biuso, Alice Canzonieri, Michele Carvello, Martina Cassenti, Valentina Elia, Gabriele Formato, Roberta Giordano, Giulia Goro, Debora Iannotta,    Clara Ingargiola, Elvio La Pira, Marcello Manzella, Giulia Navarra, Paolo Pintabona,    Bruno Maurizio Prestigio, Sebastiano Tinè e Zelia Catalano; le musiche sono di Salvatore Sampieri, i costumi e le scene rispettivamente della sartoria e del laboratorio teatrale INDA. Le maschere, invece, sono di Stefano Perrocco di Maduna.

“Le Baccanti – spiega il regista -  vuole essere uno spettacolo universale di facile comprensione e accessibile a tutti, dove i differenti linguaggi espressivi non rappresentino un ostacolo alla comprensione, ma un arricchimento dei valori morali e sociali, veicolati dall’opera di Euripide, contribuendo così alla trasmissione di un pensiero destinato a dare una speranza ai giovani “Dioniso” e alle giovani “Baccanti” di tutto il mondo”.

La manifestazione Dramma Antico alle Terme di Baia, che si avvale del contributo della Camera di Commercio di Napoli e del patrocinio del Comune di Bacoli, proseguirà con altri due appuntamenti. Si continua il 26 luglio con LA CANTATA DELLA GRECITÀ – L’ETÀ DEI MITI SENZA ETÀ, uno spettacolo – concerto con Moni Ovadia, liberamente tratto da Quarta dimensione di Iannis Ritsos, prodotto da Q Academy e da Corvino Produzioni; a chiudere, il 27 e 28 luglio, l’applaudito allestimento di FEDRA di Seneca per la regia di Carlo Cerciello.

Prima degli spettacoli, in accordo con il Direttore ad interim del Parco Archeologico dei Campi Flegrei, Anna Imponente, sarà possibile partecipare a una visita guidata alle antiche Terme di Baia (ore 20.00). Si potrà  visitare il sito e raggiungere il luogo delle rappresentazioni attraverso un transfer messo a disposizione dalla Fondazione Campania dei Festival, fino a esaurimento posti, al costo aggiuntivo di €2 sul biglietto dello spettacolo che è di euro 8 (intero) e 5 euro (ridotto per under 30 e over 65). La navetta parte alle ore 18.30 da via San Carlo (Napoli) e da Baia mezz'ora dopo la fine dello spettacolo per fare ritorno a Napoli nello stesso luogo. Il sito archeologico è provvisto di un punto ristoro.